EHA European Hematology Association
ASH American Society of Hematology
Advances in CAR T-cell Therapy

Inotuzumab ozogamicina per la leucemia linfoblastica acuta recidivata / refrattaria: efficacia e sicurezza in base alla precedente terapia


Inotuzumab ozogamicina, un coniugato anticorpo-calicheamicina anti-CD22, ha mostrato risposta superiore rispetto alla cura standard per leucemia linfoblastica acuta recidivata / refrattaria ( ALL R/R ) nello studio di fase III INO-VATE.
Sono stati valutati gli effetti della terapia preventiva sulla risposta e tossicità nei pazienti trattati con Inotuzumab ozogamicina.

Le analisi intent-to-treat ( ITT ), per protocollo di remissione completa [ CR ] / remissione completa con recupero ematologico incompleto [ CRi ] hanno incluso i primi 218 dei 326 pazienti randomizzati ( ITT218 ).

La popolazione di sicurezza ha incluso 139 pazienti che hanno ricevuto 1 dose o più di Inotuzumab ozogamicina ( max 1.8 mg/m2/ciclo, 0.8 mg/m2 al giorno 1; 0.5 mg/m2 al giorno 8 e 15 di un ciclo di 21-28 giorni per 6 cicli o meno ).

La negatività alla malattia minima residua ( MRD ) è stata valutata mediante citometria di flusso ( inferiore a 0.01% ).

A ottobre 2014 sono stati presentati i risultati a studio in corso.

109 pazienti nel gruppo ITT218 hanno ricevuto Inotuzumab ozogamicina ( tasso CR/CRi, 81%; tasso di negatività a malattia minima residua nei responder, 78%; durata mediana della remissione [ DoR ], 4.6 mesi ).

Il 67% e il 32% dei pazienti ha ricevuto Inotuzumab ozogamicina come primo salvataggio ( S1 ) e secondo salvataggio ( S2 ) ( mancanti, n=1 ).
Per il salvataggio S1 rispetto a salvataggio S2, la risposta è stata numericamente più alta, la negatività alla malattia minima residua è stata simile, e la durata della remissione mediana è stata numericamente più lunga.

Il tasso di CR/CRi è stato numericamente inferiore per i pazienti con un precedente trapianto di cellule staminali ( n=17 ) rispetto a quelli senza ( n=92 ) ( 77% vs 82% ).

Nella popolazione di sicurezza, i tassi di neutropenia febbrile di grado 3 o superiore sono risultati simili per S1 ( n=95 ) rispetto a S2 ( n=43 ) ( entrambi 23% ) e per i pazienti con un precedente trapianto di cellule staminali ( n=24 ) rispetto a quelli senza ( n=115 ) ( 29% vs 23% ).

I tassi di eventi avversi epatobiliari di ogni grado sono stati significativamente più alti in S2 rispetto a S1 ( 47% vs 17%; P minore di 0.001 ) e numericamente superiori per i pazienti con precedente trapianto di cellule staminali rispetto a quelli senza ( 42% vs 23% ).
Per S1 rispetto a S2, 36 pazienti versus 1 hanno ricevuto trapianto di cellule staminali dopo lo studio.

La malattia epatica veno-occlusiva ( VOD ), compresa VOD post-trapianto di cellule staminali, si è verificata nell’8% dei pazienti S1 rispetto al 16% dei pazienti S2 ( 2 casi fatali in S1 ); nel 21% con precedente trapianto di cellule staminali rispetto al 9% senza ( 1 caso fatale in ogni coorte ).

In conclusione, Inotuzumab ozogamicina può fornire benefici clinici nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta recidivata / refrattaria sia per la terapia S1 che S2; il rischio di epatotossicità aumenta con il numero di precedenti terapie e precedente trapianto di cellule staminali. ( Xagena2016 )

DeAngelo DJ et al, J Clin Oncol 2016; 34 ( suppl; abstr 7028 )

Xagena_OncoEmatologia_2016



Indietro