Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoGeriatria

Bortezomib in aggiunta a Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone in pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente non trattato precedentemente


Le combinazioni di farmaci contenenti Bortezomib si sono rivelate attive nei confronti del linfoma non-Hodgkin ( NHL ); lo sviluppo di neuropatia periferica può tuttavia limitare l’intensità della dose.

Sulla base dei risultati ottenuti dagli studi di fase I, uno studio clinico di fase II è stato condotto al fine di valutare l'efficacia di Bortezomib in combinazione con Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( R-CHOP ), con una dose modificata di Vincristina.

I pazienti affetti da linfoma non-Hodgkin indolente, non precedentemente trattato, hanno ricevuto Bortezomib ( alla dose di 1.6 mg/m2 ) nei giorni 1 e 8 di un ciclo di 21 giorni, per un massimo di 8 cicli, e regime R-CHOP, con Vincristina 1.5 mg per capsula.

I pazienti che hanno mostrato una risposta completa ( CR ) al trattamento hanno ricevuto una terapia di mantenimento con Rituximab, mentre i restanti pazienti hanno ricevuto una terapia di mantenimento con Rituximab e Bortezomib.

L'endpoint primario dello studio era il tasso di risposta completa.
L'endpoint secondario dello studio era rappresentato dalla sopravvivenza globale, determinata con il metodo di Kaplan-Meier.

Lo studio ha incluso 29 pazienti con differenti morfologie di linfoma non-Hodgkin, fra cui linfoma follicolare ( n = 20 ), linfoma della zona marginale ( n = 5 ) e piccolo linfoma linfocitico ( n = 4 ).

19 pazienti ( 66% ) hanno mostrato una risposta completa al trattamento, mentre 10 pazienti ( 10% ) hanno presentato una risposta parziale, ottenendo un tasso di risposta globale del 100% ( 29 pazienti su 29 ).

Dopo un follow-up mediano di 48.7 mesi, la sopravvivenza libera da progressione a 4 anni è stata dell'83%, mentre la sopravvivenza globale a 4 anni è stata del 93%.

Nel corso del follow-up, 22 pazienti hanno manifestato neuropatia periferica di qualsiasi grado; in 2 di questi la neuropatia è stata di grado 3.

In conclusione, la combinazione di Bortezomib con Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( regime R-CHOP ) si è rivelata efficace nel trattamento del linfoma non-Hodgkin indolente.
Alla luce dei promettenti risultati ottenuti, saranno oggetto di futura valutazione le terapie che includono gli innovativi inibitori del proteasoma nel trattamento del linfoma non-Hodgkin. ( Xagena )

Jonathon B et al, Br J Haematol, 2015; 171: 539-546

Xagena_Ematologia_2015



Indietro