Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Janssen Oncology

Daratumumab in combinazione con Teclistamab, un anticorpo bispecifico BCMAxCD3, per il trattamento del mieloma multiplo recidivante / refrattario. Risultati di fase 1b


Teclistamab è un anticorpo bispecifico di reindirizzamento dei linfociti T BCMA × CD3 in fase di studio in pazienti con mieloma multiplo recidivante / refrattario ( RRMM ).
Daratumumab ( Darzalex Faspro ) è un anticorpo monoclonale CD38 ( mAb ) con azioni dirette sul tumore ed immunomodulatorie.
I dati clinici iniziali dello studio multicoorte di fase 1b TRIMM-2 hanno supportato la combinazione di Teclistamab + Daratumumab per il trattamento del mieloma multiplo recidivante / refrattario, con sicurezza tollerabile, nessuna tossicità sovrapposta ed efficacia promettente.

I ricercatori hanno aggiornato i risultati con ulteriori pazienti e un follow-up più lungo.

I pazienti eleggibili con mieloma multiplo di età pari o superiore a 18 anni avevano ricevuto in precedenza 3 o più linee terapeutiche ( LOT; inclusi un inibitore del proteosoma [ PI ] e un farmaco immunomodulatore [ IMiD ] ) o erano doppiamente refrattari a PI e IMiD.
Sono stati esclusi i pazienti trattati con terapia anti-CD38 90 giorni prima.
I pazienti hanno ricevuto Daratumumab per via sottocutanea ( SC ) 1800 mg secondo la schedula approvata, e Teclistamab per via sottocutanea 1.5–3 mg/kg QW ( una volta a settimana ) o Q2W ( ogni 2 settimane ).

Gli obiettivi primari erano: identificare la dose raccomandata di fase 2 di Teclistab per la terapia di associazione e valutare la sicurezza dell'associazione.
Le risposte sono state valutate in base ai criteri IMWG.
Gli eventi avversi sono stati classificati secondo CTCAE v5.0; la sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) e la sindrome da neurotossicità associata alle cellule immunitarie effettrici ( ICANS ) sono state classificate secondo le linee guida ASTCT.

Al cutoff dei dati ( 13 gennaio 2022; popolazione di sicurezza: n=46 ), il follow-up mediano era di 7.2 mesi ( intervallo 0.1–16.6; età mediana 67 anni [ intervallo 50–79 ]; 52% femmine ).
I pazienti hanno ricevuto una mediana di 6 LOT precedenti ( range 2-17; 74% esposto a tripla classe; 63% esposto a pentafarmaco; 15% esposto ad anti-BCMA ).

Il 91% dei pazienti ha presentato 1 o più eventi avversi ( grado 3/4 78% ), più comunemente la sindrome CRS ( 61%; tutti di grado 1/2; tempo mediano di insorgenza 2 giorni; durata mediana 2 giorni ), neutropenia ( 54%; grado 3/4 50% ), anemia ( 46%; grado 3/4 28% ), trombocitopenia ( 33%; grado 3/4 28% ) e diarrea ( 33%; grado 3/4 2% ).
Le infezioni si sono verificate in 29 pazienti ( 63%; grado 3/4 28% ).
Un paziente ha presentato ICANS di grado 1 che si è completamente risolto.
Tra i 37 pazienti valutabili per la risposta, il tasso di risposta globale è stato del 78% ( 29/37 ); 27 pazienti ( 73% ) hanno presentato una risposta parziale ( VGPR ) molto buona o migliore.

Il tempo mediano alla prima risposta nelle coorti di dosaggio è stato di 1.0 mese ( intervallo 0.9–2.8 ); la durata mediana della risposta non è stata raggiunta.
Con Teclistamab + Daratumumab è stata osservata una sovraregolazione delle cellule T CD38+/CD8+ e delle citochine proinfiammatorie, supportando la potenziale sinergia della combinazione in pazienti con precedente esposizione all'anti-CD38.

In conclusione, Teclistamab + Daratumumab ha fornito un nuovo approccio immunoterapico per il trattamento del mieloma multiplo recidivante / refrattario che può produrre una migliore efficacia clinica nei pazienti pesantemente pretrattati. ( Xagena )

Rodríguez-Otero P et al, J Clin Oncol 2022 ( 40 suppl 16; abstr 8032 )

Xagena_OncoEmatologia_2022



Indietro