Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
Tumori testa-collo

Esito dopo recidiva della sindrome mielodisplastica e della leucemia mieloide acuta secondaria dopo trapianto di cellule staminali allogeniche


Non esiste uno standard per il trattamento della sindrome mielodisplastica recidivante dopo trapianto di cellule staminali allogeniche.
È stata condotta una analisi retrospettiva del Registro degli esiti e dei fattori di rischio in 698 pazienti, trattati con strategie diverse.

La sopravvivenza globale mediana dalla recidiva è stata di 4.7 mesi e il tasso di sopravvivenza a 2 anni è stato del 17.7%.
La più breve remissione dopo trapianto ( P minore di 0.001 ), la malattia avanzata ( P=0.001 ), l'età avanzata ( P=0.007 ), il donatore non-imparentato ( P=0.008 ) e la malattia acuta da trapianto contro l’ospite ( GVHD ) prima della recidiva ( P minore di 0.001 ) hanno influenzato negativamente la sopravvivenza.

A 6 mesi dalla recidiva, i pazienti non avevano ricevuto alcun trattamento cellulare ( ad esempio, chemioterapia palliativa o migliore terapia di supporto, n=375 ), infusione di linfociti del donatore ( n=213 ) o un secondo trapianto ( n=110 ).

I gruppi di trattamento sono stati analizzati separatamente a causa delle caratteristiche non-equilibrate e delle difficoltà nella valutazione retrospettiva delle motivazioni per i singoli trattamenti.

Dei pazienti che non hanno ricevuto alcuna terapia cellulare, 109 erano vivi 6 mesi dopo la recidiva, raggiungendo una sopravvivenza globale mediana da questo landmark di 8.9 mesi.
Il tasso di sopravvivenza a 2 anni è stato del 29.7%.

I destinatari di linfociti dei donatori hanno raggiunto una sopravvivenza mediana dalla prima infusione di 6.0 mesi con un tasso di sopravvivenza a 2 anni del 27.6%.
Remissione più lunga dopo il primo trapianto ( P minore di 0.001 ) ed età più giovane ( P=0.009 ) hanno predetto un esito migliore.

Tra i pazienti trattati con un secondo trapianto, la sopravvivenza mediana dal secondo trapianto è stata di 4.2 mesi e il tasso di sopravvivenza a 2 anni è stato del 17.0%.

L'esito migliore era predetto da remissione più lunga dopo il primo trapianto ( P minore di 0.001 ), remissione completa al secondo trapianto ( P=0.008 ), nessuna precedente malattia cronica di trapianto contro l'ospite ( P minore di 0.001 ) e passaggio a un nuovo donatore ( P=0.04 ).

I dati hanno consentito l'identificazione di pazienti che traggono benefici dall'infusione di linfociti del donatore e da un secondo trapianto e possono servire da base per studi prospettici. ( Xagena )

Schmid C et al, Haematologica 2018; 103: 237-245

Xagena_OncoEmatologia_2018



Indietro