GSK Ematologia
Janssen Oncology
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom
Passamonti Linfoma mantellare

Leucemia linfoblastica acuta, Blinatumomab migliore della chemioterapia nel consolidamento prima del trapianto di midollo nei pazienti in età pediatrica


Uno studio ha valutato l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di Blinatumomab ( Blincyto ) rispetto alla chemioterapia di consolidamento prima del trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche nei pazienti pediatrici con leucemia linfoblastica acuta ( LLA ) da precursori delle cellule B che avevano sviluppato una prima recidiva di malattia ad alto rischio.

Blinatumomab ha dimostrato una sopravvivenza senza peggioramento della malattia ( DFS ) più lunga rispetto alla chemioterapia.
Dopo quasi 2 anni, il 69% dei pazienti trattati con Blinatumomab era vivo e libero da eventi rispetto al 43% dei pazienti trattati con la chemioterapia.

Tra i pazienti che all’inizio dello studio presentavano malattia minima residua ( MRD ), il 93% ha raggiunto lo stato di negatività alla MRD dopo il trattamento con Blinatumomab, rispetto al 24% dei pazienti trattati con la chemioterapia.

La stima di sopravvivenza globale ( OS ) a 3 anni nel gruppo trattato con Blinatumomab è stata dell’81% contro il 56% nel gruppo trattato con chemioterapia.

Nel gruppo trattato con Blinatumomab l’incidenza di eventi avversi gravi è stata del 24.1% contro il 43.1% del gruppo trattato con chemioterapia.
Non sono stati riportati eventi avversi fatali.

La chemioterapia è stata finora impiegata come trattamento primario di consolidamento per tutti i pazienti con leucemia linfoblastica acuta in prima ricaduta di malattia con caratteristiche di alto rischio prima del trapianto di cellule staminali: un approccio, questo, solo parzialmente efficace e associato a un’importante tossicità.
Blinatumomab si è dimostrato un’opzione di terapia di consolidamento più efficace e sicura per i pazienti pediatrici con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B in prima recidiva ad alto rischio.

Il trattamento della malattia minima residua è di importanza cruciale per prevenire future ricadute di malattia nei pazienti in remissione completa.
Blinatumomab è la prima e unica terapia ad aver ricevuto approvazione regolatoria a livello globale per il trattamento dei pazienti con malattia minima residua.( Xagena )

Lo studio è stato pubblicato su JAMA.

Fonte: Ospedale Bambino Gesù di Roma, 2021

Xagena_OncoEmatologia_2021



Indietro