ELN 2018
Janssen Oncology
Roche Ematologia
Ematobase.it

Ibrutinib versus immuno-chemioterapia nella recidiva del linfoma a cellule del mantello con coinvolgimento del sistema nervoso centrale


La recidiva a livello del sistema nervoso centrale ( SNC ) del linfoma a cellule del mantello ( MCL ) è un fenomeno raro per il quale non è stato identificato uno standard di cura.
Le risposte al trattamento convenzionale per linfoma CNS-MCL sono scarse, con una sopravvivenza mediana inferiore a 6 mesi.
Ibrutinib ( Imbruvica ) è approvato per il linfoma mantellare recidivante / refrattario, e piccole serie hanno dimostrato efficacia nella malattia a carico del SNC grazie alla sua capacità di attraversare la barriera emato-encefalica ( BBB ).

Lo scopo dello studio era quello di riportare l'esito dei pazienti con linfoma mantellare con coinvolgimento documentato del sistema nervoso centrale alla recidiva e analizzare la risposta e la sopravvivenza dei pazienti trattati con Ibrutinib rispetto alla terapia standard.

Sono stati analizzati in modo retrospettivo una serie multicentrica di pazienti consecutivi con recidiva a carico del SNC del linfoma a cellule del mantello sistemico trattati tra il 2000 e il 2019 in 38 centri ( 20 internazionali e 18 della FIL [ Fondazione Italiana Linfomi ] ). La coorte comprendeva 39 pazienti sottoposti a terapia standard come descritto nelle relazioni precedenti.
La sopravvivenza globale ( OS ) è stata stimata dal momento dell'inizio della terapia diretta con linfoma CNS-MCL fino al decesso.

Sono stati analizzati 84 pazienti: 58 pazienti ( 69% ) sono stati trattati con immuno-chemioterapia standard ( coorte standard ), mentre 26 pazienti ( 31% ) sono stati trattati con Ibrutinib ( coorte Ibrutinib ).
Le due coorti presentavano caratteristiche simili: l'età mediana era di 62 anni ( intervallo: 38-84 ) nella coorte standard e 63 anni ( intervallo: 48-77 ) nella coorte Ibrutinib ( p = 0.26 ); la variante blastoide è stata diagnosticata nel 29% della coorte standard e nel 24% della coorte Ibrutinib ( p = 0.78 ); il punteggio MIPI è risultato elevato nel 63% della coorte standard e nel 71% dei pazienti della coorte Ibrutinib ( p = 0.64 ).
Le precedenti terapie mediane per il linfoma mantellare prima della recidiva a livello del SNC erano 1 ( intervallo: 1-5 ) nella coorte standard e 1 ( intervallo: 1-2 ) nella coorte Ibrutinib ( p = 0.15 ).
Il tempo mediano dalla diagnosi iniziale di linfoma mantellare alla recidiva del SNC è stato di 15 mesi ( intervallo: 2-122 ) nella coorte standard e 19 mesi ( intervallo: 1-86 ) nella coorte Ibrutinib ( p = 0.45 ).

Nella coorte standard, il trattamento per la recidiva del sistema nervoso centrale consisteva in Rituximab più terapie di attraversamento della barriera emato-encefalica in 28 pazienti ( 48% ), Rituximab più chemioterapia a base di Bendamustina in 6 pazienti ( 11% ), chemioterapia intratecale ( IT ) solo in 17 pazienti ( 29% ) e radioterapia in 7 pazienti ( 12% ).
Le terapie di attraversamento della barriera emato-encefalica consistevano principalmente in Metotrexato-HD ( ad alto dosaggio ), solo in 7 pazienti ( 25% ), combinato con Ara-C-HD ( Ara-C ad alto dosaggio ) in 19 pazienti ( 68% ) e 2 pazienti ( 7% ) hanno ricevuto Ifosfamide.

Nella coorte standard, la terapia intratecale è stata aggiunta in 45 pazienti ( 78% ). I pazienti nella coorte di Ibrutinib hanno ricevuto Ibrutinib 560 mg per os tutti i giorni fino a progressione della malattia o a tossicità; la chemioterapia intratecale è stata somministrata contemporaneamente in 12 pazienti ( 46% ).

I dati per la valutazione della risposta erano disponibili per 79 pazienti ( 89% ). Il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 72% nella coorte Ibrutinib e del 39% nella coorte standard, mentre il tasso di risposta completa ( CR ) è stato, rispettivamente, del 42% e del 17%.
Considerando i pazienti che hanno ricevuto trattamenti di attraversamento della barriera emato-encefalica all'interno della coorte standard, il tasso ORR è stato del 46% e la percentuale di risposta completa del 22%.
La differenza tra la percentuale di risposta completa nella coorte Ibrutinib e nel gruppo delle terapie attraversanti la barriera ematoencefalica era statisticamente significativa ( 42% vs 22%, p = 0.02 ).

Con un follow-up mediano di 4.3 mesi, la sopravvivenza globale a 1 anno dell'intera popolazione dello studio è stata del 27%.
Ibrutinib ha conferito una sopravvivenza globale statisticamente significativa superiore a 1 anno rispetto alla coorte standard ( 61% vs 16%; hazard ratio, HR = 0.29, p inferiore a 0.001 ).
Allo stesso modo, la sopravvivenza globale è stata confermata superiore con Ibrutinib rispetto ai pazienti sottoposti a terapie di attraversamento della barriera emato-encefalica ( tassi a 1 anno: 59% vs 25%; HR= 0.39, p = 0.011 ).

La terapia intratecale non ha apportato ulteriori benefici nella coorte Ibrutinib ( intratecale versus non-intratecale: OS a 1 anno 63% vs 60%, p = 0.72 ) o nella coorte standard ( OS a 1 anno 13% vs 25% p = 0.45 ).

Nella coorte Ibrutinib non è stata segnalata tossicità imprevista, inclusi casi di infezione fungina invasiva.

In conclusione, questo è il primo grande risultato di una analisi di coorte di pazienti trattati con Ibrutinib per recidiva a carico del sistema nervoso centrale del linfoma a cellule mantellari.
Con i soliti limiti di una analisi retrospettiva, Ibrutinib è risultato associato a una risposta e a una sopravvivenza migliorate rispetto all'immuno-chemioterapia standard in questa popolazione difficile da trattare, con la metà dei pazienti vivi a 1 anno. ( Xagena )

Source: EHA25 - European Hematology Association Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoEmatologia_2020



Indietro