Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
GSK Ematologia

La leucemia linfoblastica acuta Philadelphia-like è associata a persistenza della malattia minima residua e presenta esito sfavorevole - GIMEMA LAL1913


Il riconoscimento precoce dei casi di leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) Philadelphia-like ( Ph-like ) potrebbe avere un impatto sulla gestione e sull'esito di questo sottoinsieme di leucemie ALL di tipo B.

Per valutare il valore prognostico dello stato Ph-like in uno studio di ispirazione pediatrica, guidato dalla malattia minima residua ( MRD ), i ricercatori hanno selezionato 88 casi di leucemia linfoblastica acuta del tipo B, negativi per i principali geni di fusione ( BCR-ABL1, ETV6-RUNX1, TCF3-PBX1 e KTM2Ar ), arruolati nel protocollo GIMEMA LAL1913 di prima linea per la leucemia linfoblastica acuta BCR/ABL1-negativa dell'adulto.

Lo screening, eseguito utilizzando il predittore BCR/ABL1-like, ha identificato 28 casi di Ph-like ( 31.8% ), caratterizzati da iperespressione CRLF2 ( 35.7% ), mutazioni della via JAK/STAT ( 33.3% ), delezioni di IKZF1 ( 63.6% ), BTG1 ( 50% ) e EBF1 ( 27.3% ) e riarrangiamenti mirati alle tirosin chinasi o CRLF2 ( 40% ).

La correlazione con l'esito ha evidenziato che:

i) il tasso di remissione completa ( CR ) era significativamente più basso nei casi Ph-like rispetto a quelli non-Ph-like ( 74.1% vs 91.5%, p=0.044 );

ii) al punto temporale 2 ( TP2 ), decisionale per l'allocazione del trapianto, il 52.9% dei casi Ph-like versus il 20% dei non-Ph-like erano MRD-positivi ( p=0.025 );

iii) il profilo Ph-like era l'unico parametro associato a un rischio più elevato di postività per MRD a TP2 ( p=0.014 );

iv) a 24 mesi, i pazienti Ph-like avevano una sopravvivenza libera da eventi e da malattia significativamente inferiore rispetto ai pazienti non-Ph-like ( 33.5% vs 66.2%, p=0.005 e 45.5% vs 72.3%, p=0.062, rispettivamente ).

Questo studio ha dimostrato che i pazienti Ph-like hanno un più basso tasso di risposta completa, sopravvivenza libera da eventi e sopravvivenza libera da malattia, nonché una maggiore persistenza della malattia minima residua anche in un protocollo di leucemia linfoblastica acuta per gli adulti guidato dalla malattia MRD, di ispirazione pediatrica.
Il riconoscimento dei pazienti affetti da leucemia linfoblastica acuta alla diagnosi è fondamentale per affinare la stratificazione del rischio e per ottimizzare le strategie terapeutiche. ( Xagena )

Chiaretti S et al, Haematologica 2021; 106 :1559-1568

Xagena_OncoEmatologia_2021



Indietro